NS. CLINCIA E ANCORA APERTA, possiamo lavorare normalmente e senza restrizioni. Piu informazioni qui

loading image
iClinic clinica oculistica CERTIFICATO TÜV Menu  
News

Novita' clinica oculistica iClinic

Congiuntivite: cosa fare con la congiuntivite

Congiuntivite

Congiuntivite infettiva o virale, batterica o allergica: chiunque abbia mai avuto a che fare con una congiuntivite, certamente non vorrebbe ripetere questa esperienza così in fretta. Scopri quando la malattia dell'occhio è contagiosa, quali sono i sintomi della congiuntivite e, naturalmente, cosa puoi fare per prevenire la congiuntivite!

 

Durata e rischio di infezione: quanto dura una congiuntivite?

 

La congiuntiva si trova sul lato palpebrale dell'occhio e non è altro che una sottile membrana mucosa. Da un lato, assicura che la cornea sia uniforme e sufficientemente inumidita con il liquido lacrimale e, dall'altro, consente la mobilità del bulbo oculare. Sfortunatamente, è anche soggetta a infiammazione e può essere estremamente contagiosa. La prima domanda importante è: esiste il rischio di infezione e, in caso affermativo, per quanto tempo devo rimanere a casa?

 

Tempo di incubazione e rischio di infezione: quanto è contagiosa la congiuntivite?

 

La congiuntivite non deve necessariamente essere contagiosa: si fa una distinzione tra congiuntivite infettiva e non infettiva. Ad esempio, se c'è un'allergia a cani o gatti dietro ai problemi agli occhi, l'infiammazione non comporta alcun rischio per gli altri.

 

Nella variante infettiva, tuttavia, il rischio di infezione dura fino a 4 settimane. Il rischio è particolarmente alto se si tratta di un'infiammazione virale (cosiddetta congiuntivite epidemica).

 

Il periodo di incubazione è di poco meno di due settimane o fino a 12 giorni - un periodo durante il quale è necessario evitare le aree pubbliche, non toccare gli occhi e lavarsi frequentemente le mani.

 

Permesso per malattia: quando si può lavorare di nuovo con la congiuntivite?

 

Con una congiuntivite infettiva, non dovresti assolutamente andare al lavoro. Di conseguenza, si è di solito in permesso per malattia per 3-5 giorni. Perché sfortunatamente, i virus possono anche essere trasmessi attraverso l'aria - non è sufficiente tenere solo una piccola distanza in ufficio. Ma come si riconosce la congiuntivite?

 

Sintomi: come si manifesta la congiuntivite?

 

Sebbene non sia facile determinare la causa della congiuntivite, i primi segni sono più facili da rilevare. La cosa più difficile al riguardo: in molti casi, la congiuntivite si insinua silenziosamente e segretamente durante la notte.

 

Quali sono i primi segni di congiuntivite?

 

La congiuntivite non causa necessariamente dolore, ma alcuni spiacevoli effetti collaterali. I sintomi più comuni sono:
 

  • occhi arrossati e incollati al mattino
  • secrezione purulenta biancastra
  • gonfiore
  • prurito e bruciore agli occhi, associati da sensazione di corpo estraneo
  • fotosensibilità
  • occhi lacrimosi
A seconda del tipo di congiuntivite, spesso si notano questi segni in un occhio. Alcuni giorni dopo, entrambi gli occhi sono generalmente colpiti.

 

Congiuntivite nei neonati, bambini e in gravidanza

 

La congiuntivite è una delle più comuni malattie degli occhi e anche i più giovani non sono risparmiati: nei bambini può accadere che il condotto lacrimale non sia ancora sufficientemente sviluppato. I germi non possono quindi essere espulsi a sufficienza e le infezioni si verificano più velocemente. In rari casi è anche possibile che alla nascita la clamidia o i gonococchi siano trasmessi dalla madre al bambino.

 

Anche i più piccoli sono relativamente inclini alla congiuntivite: spesso si toccano gli occhi senza aver prima lavato le mani. In questo modo, le particelle di sporco possono arrivare alla cornea e si verificano malattie da virus o batteri. Ma per quanto riguarda gli adulti - perché viene la congiuntivite?


Congiuntivite

 

Le cause più comuni di congiuntivite

 

Non esiste una causa per la congiuntivite: per la congiuntivite virale, batterica o allergica, è ugualmente possibile che l'aria polverosa, la luce troppo intensa, gli occhi troppo secchi o l'irritazione della cornea per i depositi sulla lente a contatto possono esserne la causa. A questo punto evidenziamo solo le tre cause più comuni.

 

Congiuntivite virale

 

Se la congiuntivite è causata da virus, possono essere, ad esempio, herpes, clamidia o adenovirus. Questi ultimi sono particolarmente aggressivi e altamente contagiosi.

 

Questi virus hanno anche un momento felice in autunno e in inverno, ma naturalmente può accadere il resto dell'anno di prendere una congiuntivite virale (ad esempio in piscina o in sauna). Nella congiuntivite virale i cosiddetti follicoli si formano spesso nella congiuntiva della palpebra inferiore. Si tratta di un accumulo di cellule infiammatorie.

 

Sfortunatamente non esiste una soluzione brevettata per la congiuntivite virale: gli antibiotici non possono danneggiare gli adenovirus, quindi di solito si deve pazientare per alcune settimane fino a quando l'infiammazione si è attenuata da sola. Tuttavia, è richiesta una visita medica.

 

Congiuntivite batterica

 

La congiuntivite batterica può essere dovuta a cause diverse, come la polmonite, gli streptococchi o gli stafilococchi e le pseudomonas. Una caratteristica comune è la formazione di gonfiori, le cosiddette papille.

 

La buona notizia: questo tipo di congiuntivite viene solitamente trattata molto bene con colliri e creme oftalmiche. Questo vale anche per il terzo tipo: congiuntivite allergica.

 

Congiuntivite come reazione allergica a gatti, cani & co.

 

Sfortunatamente, le allergie sono per molte persone un argomento troppo presente nella vita di tutti i giorni. E ci sono molti allergeni: questi possono essere peli di cane o di gatto, ma anche acari della polvere o alcuni prodotti cosmetici.

 

Questi e altri allergeni possono quindi portare alla congiuntivite. Per esempio, chiunque abbia un'allergia ai pollini spesso combatte con la congiuntivite, specialmente dalla primavera all'inizio dell'estate. Il fatto che ci sia un'allergia dietro all'infiammazione, i malati sono lo notano presto - dopo tutto, un sintomo allergico raramente arriva da solo. Tuttavia, una chiara indicazione è almeno che la congiuntivite allergica si verifica sempre in entrambi gli occhi allo stesso tempo.

 

Cosa aiuta contro la congiuntivite?

 

GProprio come non esiste una sola causa, non esiste un metodo che possa essere usato per combattere la congiuntivite. Il trattamento giusto dipende sempre dalla causa e di solito si può fare da sé.

 

Quando andare dal medico per un'infezione agli occhi

 

La regola principale è fondamentalmente: recarsi dal medico il prima possibile, non appena si manifestano i sintomi tipici della congiuntivite. Questo è particolarmente vero nei bambini.

 

Nella visita medica può essere determinato ciò che ha causato la congiuntivite. Questo è importante perché non tutte le infiammazioni guariscono da sole - e la congiuntivite non trattata può causare gravi danni alla cornea.

 

Nell'ambulatorio del medico, la palpebra viene esaminata per arrossamento, secrezione o gonfiore. Attenzione: è meglio affermarlo in anticipo se si sospetta una malattia virale. Il pericolo di infezione non si ferma davanti alla sala d'attesa...

 

Collirio e antibiotici per congiuntivite

 

A seconda di quale causa è stata determinata, la congiuntivite può essere trattata con colliri appropriati. Oltre alle gocce per gli occhi con antibiotico, ad esempio, ci sono anche gocce che servono esclusivamente per inumidire la cornea. Non di rado, questa finta imitazione del liquido lacrimale naturale è già sufficiente, ma ulteriori informazioni darvi a questo proposito, può solo darvele il medico.

 

Ci sono rimedi casalinghi per la congiuntivite?

 

A questo punto, dovrebbe essere già chiaro: con una congiuntivite preferibilmente via le mani e proprio letteralmente. Se, ad esempio, l'esame rivela che si tratta di una reazione allergica innocua, solo la pazienza aiuterà - poiché non vi è alcuna conferma scientifica che i rimedi casalinghi come gli impacchi con acqua fredda effettivamente aiutino.
 

La congiuntivite prima o poi contagerà la maggior parte delle persone. La migliore protezione è e rimane la prevenzione: lavarsi le mani regolarmente, cambiare spesso gli asciugamani e le spugne da bagno e non condividerli mai con gli altri. E: cercare assistenza medica non appena si sospetta la congiuntivite - di sicuro!
 
Torna all'inizio
scrivici