NS. CLINCIA E ANCORA APERTA, possiamo lavorare normalmente e senza restrizioni. Piu informazioni qui

loading image
iClinic clinica oculistica CERTIFICATO TÜV Menu  

Cheratocono

Cheratocono

Cheratocono

Cheratocono

Il cheratocono è una malattia della cornea che di solito, a distanza di tempo, colpisce entrambi gli occhi. Si forma una protrusione della cornea, che deve essere trattata con lenti a contatto dimensionalmente stabili o, in caso di malattia progressiva, con un intervento chirurgico.
 

CAUSE E SINTOMI DEL CHERATOCONO

La scienza non è ancora sicura di quale sia la causa del cheratocono, quindi è vano ricercarne una causa certa o le opportune opzioni di prevenzione. Ma si sospetta che il cheratocono possa insorgere per predisposizione genetica o per altre malattie come le malattie della pelle. La buona notizia: il cheratocono si presenta in modo molto arbitrario nella popolazione, interessando solo una persona su 2000.
 
Cosa succede in concreto con il cheratocono? Fondamentalmente, c'è un indebolimento del tessuto corneale. L'epitelio e lo stroma, cioè gli strati più esterni e medi della cornea, si dilatano sempre più e si deformano durante il decorso della malattia e diventano conici.
 
La causa della conicità della cornea è una pressione intraoculare troppo alta e strati corneali troppo deboli. Prima si riconosce questa malattia, meno gravosa è la terapia. Tuttavia, il cheratocono spesso non è identificato come tale. Pertanto, prendere molto sul serio i seguenti sintomi del cheratocono:

 

  • rapido aumento della miopia o dell'astigmatismo con assi chiaramente inclinati
  • Visione multipla
  • Vista limitata nonostante gli ausili visivi e quindi problemi durante la guida o la lettura
  • Occhi asciutti che causano frequenti sfregamenti
  • Aumento della sensibilità alla luce
  • Ombre che sembrano circondare oggetti (Ghosting)
  • Anelli di luce da una fonte di luce (aloni)

Il cheratocono di solito si manifesta tra i 20 ei 30 anni. Ma può anche diventare sintomatico già durante l'infanzia fino al 40° e 50° anno di vita. Un cheratocono non trattato progredisce nel tempo e quanto prima si verifica la malattia, tanto più è probabile che sia necessaria una cura.
 

GLI STADI DEL CHERATOCONO

Finora, non c'è una classificazione uniforme dei singoli stadi di questa malattia, in quanto rara. Si distingue soprattutto tra la variante più frequente non avanzata e quella avanzata. Nel primo caso, la curvatura corneale rimane ad un certo stadio, mentre nel secondo caso si modifica fortemente in breve tempo.
 
Sono principalmente le opzioni di trattamento nelle singole fasi che possono essere differenziate:
 
  • 1.-2. Stadio - fase iniziale:
 
La scarsa vista è compensata con occhiali o lenti a contatto. In questa fase, la malattia può solitamente essere rilevata solo con dispositivi come quelli utilizzati in una clinica oculistica per misurare lo spessore della cornea, lo stato della cellula o una scansione corneale.
 
  • 3.-4. Stadio - cheratocono avanzato:
 
In questa fase, anche un oftalmologo riconosce la malattia, in casi estremi, il rigonfiamento è persino visibile ad occhio nudo. Se il cheratocono è già in fase avanzata, solo un trapianto o un impianto corneale aiuteranno. Ci sono già cicatrici sulla cornea.
 
Un caso particolare è il cheratocono acuto: da una lesione penetra umore acqueo corneale nello strato più interno. Ciò provoca un rapido gonfiore e dolore e improvvisamente una vista gravemente deteriorata. Di norma, un'operazione è inevitabile.
 

Cheratocono, malattia corneale


TRATTAMENTO DEL CHERATOCONO

Se il cheratocono viene riconosciuto precocemente, può essere trattato con successo. Tuttavia, c'è sempre la questione se debbano essere trattate la deformazione o la menomazione visiva o entrambe. Una seconda questione che prima o poi arriva con il cheratocono: di cosa si prende carico il fondo dell'assistenza sanitaria?


Lenti a contatto per il cheratocono?

Nelle prime fasi della malattia, molto può essere ottenuto con lenti speciali dimensionalmente stabili o una combinazione di lenti a contatto e occhiali. Nel migliore dei casi, questa terapia è sufficiente per tutta la vita. Le lenti morbide sono adatte solo se il cheratocono è ancora all'inizio.
 
Tuttavia, siccome raramente viene riconosciuto in questa fase, le lenti rigide o i cosiddetti ibridi, una combinazione di lenti morbide e dure, sono il metodo collaudato per supportare la cornea, per così dire. Tuttavia, se la cornea diventa troppo curva, le lenti potrebbero cadere e richiedere un intervento chirurgico. In casi estremi si può addirittura arrivare a un trapianto di cornea.
 

Operazione: cross-linking o trapianto in caso di cheratocono

Un moderno trattamento chirurgico è il cosiddetto cross-linking. Lo scopo di questa procedura minimamente invasiva è di rafforzare i legami di collagene nel tessuto corneale. A tale scopo, la cornea viene trattata con riboflavina e raggi UV, in modo che si indurisca nel suo stato attuale e si blocchi l'ulteriore deformazione.
 
Il cross-linking può essere combinato con altri metodi di trattamento necessari se la menomazione visiva è già avanzata. Infatti, l'operazione non compensa la limitazione visiva, ma ferma solo lo sviluppo conico della cornea.
 
Se il 1° e 2° stadio sono già superati, solo un impianto corneale può aiutare. Un'opzione è il cosiddetto Keraring. Questi sono segmenti circolari intracorneali che vengono inseriti nella cornea per bilanciare la superficie. In casi molto avanzati, potrebbe essere necessario un trapianto di cornea completo.


L’assistenza sanitaria paga per il trattamento del cheratocono?

Come per tutte le malattie degli occhi, il sussidio del fondo sanitario dipende dal singolo caso. Pertanto, verificare con la propria assicurazione privata o ASL quali sono le possibilità. Perché i fondi privati spesso prendono carico del costo del cross-linking o almeno danno una sovvenzione.
 
Le ASL, a loro volta, si prendono carico spesso di lenti a contatto rigide, in quanto sono più economiche. Tuttavia, se c'è una conferma medica che un'operazione è necessaria, a volte i costi possono essere coperti: vale la pena di informarsi.
 
Un'eccezione è solo il trapianto di cornea. Di norma, questa procedura è completamente coperta, poiché la vista a questo punto è già completamente compromessa e un intervento è assolutamente necessario.
 

IL CHERATOCONO PUÒ GUARIRE NATURALMENTE?

Secondo lo stato attuale della ricerca, non esiste un trattamento di guarigione che può essere eseguito da soli, specialmente dal momento che il cheratocono non può essere curato, ma solo stabilizzato. Di per sé, la nebulosa non scompare o alla fine ricompare.
 
È previsto un arresto naturale della deformazione conica solo tra i 40 e i 50 anni. Fino ad allora, tuttavia, la malattia può già comportare restrizioni significative nella vita di tutti i giorni, dal momento che l'ametropia fluttua costantemente su uno o entrambi gli occhi. Questo non significa solo che il costo per nuove lenti a contatto o occhiali si somma nel tempo. Significa anche che, ad esempio, non si può mai sentirsi sicuri alla guida.
 
Se si riscontrano i sintomi menzionati all'inizio, un esame completo nella clinica oculistica può essere esattamente il passo che farà risparmiare tutte queste complicazioni. Se il cheratocono viene rilevato precocemente, può essere trattato efficacemente con lenti a contatto dimensionalmente stabili. E con il cross-linking, la protrusione della cornea può essere fermata in modo permanente per diversi anni - un investimento che in definitiva significa una qualità della vita significativamente maggiore.

 

VI CONSIGLIAMO ANCHE UNA CONSULENZA PERSONALE.

Richiedetela oggi stesso.

PRENDETE UN APPUNTAMENTO ADESSO
Torna all'inizio
scrivici