NS. CLINCIA E ANCORA APERTA, possiamo lavorare normalmente e senza restrizioni. Piu informazioni qui

loading image
iClinic clinica oculistica CERTIFICATO TÜV Menu  

Presbiopia

Presbiopia

Presbiopia

PRESBIOPIA: INVECCHIAMENTO E TRATTAMENTO

PRESBIOPIA: INVECCHIAMENTO E TRATTAMENTO
Anche coloro che hanno vissuto senza occhiali per il resto della loro vita scopriranno improvvisamente che le lettere davanti ai loro occhi cominciano improvvisamente a ballare, da circa 45 anni in poi. Non c'è da preoccuparsi: la cosiddetta presbiopia è completamente normale e invariabilmente colpisce tutti.
 
Tuttavia, presbiopia non significa diventare ciechi. Con l'ausilio di moderni interventi, si possono trascorrere i migliori anni della propria vita senza pensieri. Spieghiamo cos'è la presbiopia e come può essere una terapia di successo.
 

"OCCHIO VECCHIO"- DEFINIZIONE DI PRESBIOPIA

La cosiddetta presbiopia (dal greco antico: occhio vecchio) è comunemente indicata come presbiopia. È un processo naturale di invecchiamento della lente dell'occhio con conseguenze di vasta portata per la vista.
 
Per immaginare il funzionamento dei nostri occhi, aiuta l'immagine di una fotocamera con zoom automatico. La vista da lontano è focalizzata nitidamente come il primo piano nelle vicinanze - e ciò in una frazione di secondo. Questo è possibile grazie alla lente naturale dell'occhio.
 
Tuttavia, questa capacità di accomodazione dell'occhio diminuisce con l'età, così che l'accomodazione a diverse distanze durante la visione non è più possibile o solo in misura limitata. La lente dell'occhio si indurisce negli anni con la sclerosi ed è meno capace di accomodazione.
 
Anche il muscolo ciliare, responsabile della contrazione della lente, perde tono. È quindi un processo degenerativo, che progredisce strisciante e si stabilizza intorno all'età di 60 anni.
 
Questo tipo di ametropia è quasi indipendente dalla miopia o dall'ipermetropia, che tuttavia, naturalmente, continuano a condizionare la vista anche in età avanzata. Le persone che non hanno mai portato gli occhiali durante la loro vita tendono a percepire i cambiamenti nella loro vista in modo più evidente.


presbyopia

presbiopia

Presbyopie Korektion

Correzione della presbiopia

 

"BRACCIA TROPPO CORTE" - SINTOMI DELLA PRESBIOPIA

Mentre la distanza di lettura normale è di circa 40 cm, le persone che mostrano i primi segni di presbiopia possono inizialmente vedere solo offuscato poi sfocato da vicino. Leggere, guidare o lavorare al computer diventano sempre più difficili.
 
Il grande sforzo di leggere fa sì che gli occhi si stanchino prima. Per questo motivo, i forti mal di testa sono sintomi comuni di insorgenza della presbiopia. Se si notano questi sintomi, è consigliabile consultare un oculista.
 
L'acuità visiva viene controllata dall'oculista con l'ausilio di grafici oculari prima di effettuare una doppia determinazione della rifrazione. La determinazione obiettiva della rifrazione viene eseguita meccanicamente con un rifrattometro. È una misura del potere refrattivo del sistema ottico dell'occhio.
 
Sulla base di un grafico ottico, la rifrazione calcolata dal computer viene controllata soggettivamente, in modo che l'oftalmologo possa determinare la gradazione corretta degli occhiali. Poiché la presbiopia si deteriora lentamente, il potere refrattivo deve essere controllato e corretto a intervalli regolari.
 

"OCCHI APERTI"- TRATTAMENTO DELLA PRESBIOPIA

Chi spera di poter prevenire l'ipermetropia in età avanzata, purtroppo dobbiamo deluderlo. Anche con l'allenamento mirato agli occhi, non è possibile contrastare l'ipermetropia degenerativa.
 
Fortunatamente, il trattamento e la terapia sono semplici ed efficaci. Il modo "classico" è quello degli occhiali da lettura. Le lenti convergenti convesse consentono la nitidezza per vedere da vicino.
 
Chiunque soffra di miopia prima lascerà gli occhiali abituali, poi con l'età passerà a lenti progressive in modo da poter vedere altrettanto bene sia vicino che lontano. Le lenti a contatto bifocali sono un'opzione anche per coloro che non vogliono portare gli occhiali.
 
Per una vista nitida è efficace l'operazione. Quale intervento può essere appropriato per voi, potete discuterne ad una visita preoperatoria e consultando il medico curante.
 
Chi è adatto per una correzione laser in linea di principio, dipende dall'età, dall'occupazione, dalle condizioni preesistenti degli occhi (glaucoma, malattie retiniche, ecc.) e dal grado di presbiopia. Si può scegliere tra questi metodi:


Monovisione

Questo metodo ha una lunga tradizione. Con il laser si corregge quindi un occhio in modo che possa vedere molto bene da vicino, il cosiddetto occhio dominante, tuttavia, viene corretto in modo che possa vedere tutto in modo nitido in lontananza.
 
Il trattamento laser dell'occhio dovrebbe comunque essere preso in considerazione. Mentre alcuni pazienti tollerano bene la correzione chirurgica, altri nel decorso postoperatorio possono presentare disturbi nella percezione spaziale.


Metodo PRELEX

Per la presbiopia raccomandiamo il cosiddetto metodo PRELEX. Si sostituisce la lente fissa con una lente multifocale artificiale per una buona visione da vicino e da lontano. Anche in questo caso ci sono diversi punti focali per una migliore acuità visiva.
 
Lo scambio di lenti è intraoculare e viene eseguito in anestesia locale. Oltre a una correzione permanente della presbiopia, diminuisce il rischio di sviluppare la cataratta. Inoltre, un glaucoma (stella verde) può verificarsi molto meno rapidamente.
 
Il metodo Femto Z-Prelex è ancora più veloce, delicato e meno invasivo rispetto al classico metodo Prelex. Rappresenta ancora più sicurezza e precisione durante l'operazione. È qui che viene utilizzata la tecnologia più avanzata. Il laser a femtosecondi di Ziemer è il più innovativo sul mercato, una scansione 3D della struttura dell'occhio consente un'analisi ancora migliore prima, durante e dopo l'intervento.
 
Dopo l’intervento, la vista ritorna subito completamente e la fase di convalescenza postoperatoria di solito procede senza complicazioni. In breve tempo, si è completamente liberi da disturbi - e si vede bene senza occhiali da lontano e da vicino.
 
I migliori risultati con questo metodo si ottengono in pazienti con presbiopia e ipermetropia e hanno più di 45 anni. Anche altri aspetti della vita del paziente svolgono un ruolo importante. Se si è un candidato adatto per lo scambio di lenti, lo si verifica con una visita medica preliminare.



VI CONSIGLIAMO ANCHE UNA CONSULENZA PERSONALE.

Richiedetela oggi stesso.

PRENDETE UN APPUNTAMENTO ADESSO
Torna all'inizio
scrivici