NS. CLINCIA E ANCORA APERTA, possiamo lavorare normalmente e senza restrizioni. Piu informazioni qui

loading image
iClinic clinica oculistica CERTIFICATO TÜV Menu  
News

Novita' clinica oculistica iClinic

Che cosa significa in realtà il termine "diottrie"?

Che cosa significa in realtà il termine

Una visita all'oftalmologo o all'ottico dà spesso un risultato in particolare: le diottrie. Chiunque ne sappia qualcosa può leggere molto sul tipo e l'estensione della vista scarsa dei valori diottrici e sa che è importante per gli occhiali o le lenti a contatto. Questo articolo spiega tutto ciò che è necessario sapere sull'unità diottrie. Inoltre, leggete da quando non dovreste più passare la vita di tutti i giorni senza occhiali e cosa deve accadere nell'occhio umano per poter vedere nitidamente.
 

Cosa sono le diottrie?

 

Per dirla in poche parole: nell'unità di misura diottrie si afferma quale potere di rifrazione ha la lente dell'occhio. Il valore diottrico indica in che misura, dietro la lente dell'occhio, si raggruppano i raggi della luce incidente. Il potere refrattivo totale di un occhio senza compromissione visiva è di circa 60-65 diottrie (dpt). Le deviazioni da questo sono espresse in valori più o meno.

Un'impressione visiva nitida viene creata quando il punto focale e la posizione della visione più nitida, chiamata fovea, coincidono. Dove si trovi questo punto di massima risoluzione si distingue da persona a persona. Occhiali o lenti a contatto hanno la funzione, in caso di vista insufficiente, di compensare la rifrazione della luce in modo che la messa a fuoco e la fovea si incontrino di nuovo.

In questo contesto, il numero di diottrie si riferisce alla potenza di rifrazione necessaria che la lente dell'ausilio visivo deve avere per produrre un'immagine nitida. Il valore diottrico esprime quindi l'effetto di ingrandimento o riduzione di una lente artificiale. Dall'ottico o dall'oculista, di solito vengono considerati incrementi di 0,25 dpt, poiché al di sotto non è significativo.

 

Più o meno: diottrie per miopia e ipermetropia

 

Chi vede bene a breve distanza, ma vede annebbiate le cose a distanza, è miope. Questa impressione visiva si presenta quando il bulbo oculare è troppo lungo o la cornea ha un potere di rifrazione troppo forte. La messa a fuoco è quindi troppo in avanti e deve essere spostata in modo da portarla indietro attraverso la lente artificiale dell'ausilio visivo.

La miopia richiede lenti concave. Sono curvate verso l'interno e hanno un potere refrattivo negativo. Il valore diottrico nei miopi i cui ausili visivi sono negativi è espresso quindi in numeri negativi.

L'ipermetropia esprime esattamente il contrario: la visione a distanza nitida non è un problema, ma gli oggetti vicini sono sfocati. Questo effetto si verifica quando il bulbo oculare è troppo corto e il fuoco è dietro la fovea. Per bilanciare quindi si agisce con lenti convesse. Sono arcuati verso l'esterno e hanno un potere refrattivo positivo.

 

È così che diottrie, occhiali e lenti a contatto stanno in relazione

 

Conoscete i vostri valori diottrici, ma non sapete cosa farne? Potete continuare a leggere, perché qui di seguito viene spiegato, da quando sono necessari gli occhiali, per quale numero di diottrie ha senso usare le lenti a contatto e è possibile mettere sullo stesso piano le diottrie degli occhiali e quelle delle lenti a contatto.
 

Da quando si ha bisogno di occhiali?

 

Nel caso delle diottrie vale: meno è più, cioè più visione naturale. Più alto è il valore diottrico, più la prestazione visiva dell'occhio è compromessa. Un valore di -1 dpt significa solo lieve miopia, che non dovrebbe necessariamente interferire nella vita di tutti i giorni, soprattutto perché possono verificarsi fluttuazioni naturali durante il giorno. D'altra parte, nei casi di gravi miopie da 6 dpt una routine quotidiana senza ausili visivi è quasi impossibile. Queste regole sono un po' diverse nella ipermetropia, specialmente quando si è giovani.

In teoria, è consigliato da un deficit visivo di 0,5 dpt l'uso di un ausilio visivo. Poiché più a lungo viene ignorata una vista difettosa non consciamente percepita, tanto più gli occhi e l'intera testa devono sforzarsi. Se, ad esempio, si soffre spesso di mal di testa senza una ragione apparente, dietro potrebbe esserci una scarsa vista non riconosciuta.

È meglio farsi controllare da un ottico e determinare l'acuità visiva. Se la vista è inferiore al 70 percento, dovreste usare un ausilio visivo. Se si deve prendere la patente o si lavora come autisti, da questo valore l'ausilio visivo è addirittura richiesto per legge, dopotutto è indispensabile avere una visione chiara di qualsiasi distanza sulla strada. Certo, non devono necessariamente essere occhiali: il mercato delle lenti a contatto ha anche molto da offrire.

 

Diottrie di lenti a contatto

 

Le lenti a contatto sono anche concave o convesse per ottimizzare il potere refrattivo. Se si ha un basso grado di miopia o ipermetropia, cioè fino a -4 /+4 dpt, i valori diottrici possono essere generalmente utilizzati sia per gli occhiali che per le lenti a contatto.

Tuttavia, se i valori sono più alti, le diottrie per entrambi i supporti visivi devono essere determinate individualmente. Poiché gli occhiali sono significativamente più distanti dall'occhio rispetto alle lenti a contatto, quindi è logico che un pronunciato danno visivo non possa essere compensato in entrambi i casi dalla stessa potenza rifrattiva.

Come spesso, tuttavia, accade c'è un'eccezione in questo campo: l'astigmatismo o l'astigmatismo. Qui si ha una curvatura corneale, tale che i raggi luminosi non appaiano messi a fuoco. In questo caso, non solo è necessario determinare il valore diottrico, ma anche la dimensione (cilindro) e la posizione (posizione dell'asse) devono essere misurati. Per compensare, sono necessarie le cosiddette lenti toriche, che - in termini semplici - hanno la forma di un salvagente, quindi non sono convesse né concave.

La buona notizia per coloro che non si vedono con gli occhiali: le lenti a contatto sono disponibili fino a -25 dpt. Ma valori più alti, che sono superiori a 10 dpt, possono essere fatti a mano e sono quindi molto più costose. In caso di dubbi, chiedere alla propria assistenza sanitaria le opzioni di finanziamento.

 

Calcolo delle diottrie: è così che funziona

 

Il valore diottrico è quindi un punto di svolta quando si tratta di visione nitida. Se si desidera acquistare gli occhiali "preconfezionati", ma non si è sicuri del numero diottrico, teoricamente è possibile calcolarlo da soli. Teoricamente, perché un valore auto-calcolato non può mai essere accurato come il risultato di un esame oculistico professionale presso l'oculista o l'ottico. Tuttavia, con una guida approssimativa può essere calcolata come segue.

La base del calcolo è il reciproco, come il numero con cui si deve moltiplicare per ottenere il risultato 1. La diottria è considerata il reciproco della lunghezza focale. Calcolare innanzitutto il reciproco della distanza (in metri), in cui si vorrebbe vedere nitido. Dedurre il reciproco della distanza in cui è ancora possibile mettere a fuoco. Il risultato è il potere refrattivo in diottrie che gli occhiali devono avere.
 

Con un esempio concreto, questo significa: si è miopi e si vuole essere in grado di vedere nitidamente ad una distanza di 2 m. Il reciproco è quindi 0,5. Senza l'ausilio visivo, vedrai comunque a una distanza di 0,5 m. Ne consegue che:

0,5 – 2 = -1,5 dpt

 

Ora potete provare con occhiali da lettura convenzionali di -1,5 dpt - ma solo se non c'è astigmatismo. Molto più efficiente è prendersi il tempo per fare un test visivo e investire in un ausilio visivo che è stato sapientemente adattato.

In definitiva, anche un alto valore diottrico non significa che si debba passare tutta la vita con una visione limitata. Gli occhiali e le lenti a contatto possono essere adattati per molti casi e le procedure chirurgiche come i laser degli occhi possono persino compensare la miopia in modo permanente. Quindi non temete le diottrie - ora potete finalmente stimare ancora meglio in che condizioni sono i vostri occhi!

 
Torna all'inizio
scrivici