NS. CLINCIA E ANCORA APERTA, possiamo lavorare normalmente e senza restrizioni. Piu informazioni qui

loading image
iClinic clinica oculistica CERTIFICATO TÜV Menu  
News

Novita' clinica oculistica iClinic

Quanto spesso sono consigliati da medici specialisti gli esami oculistici?

Gli esami oculistici regolari non dovrebbero essere dati per scontati solo quando correggono errori diottrici come miopia, ipermetropia o astigmatismo, ma anche quando non avvertiamo alcun problema agli occhi. Gli esami oculari sono importanti per gli occhi sani di qualsiasi età. Allo stesso tempo si possono scoprire non solo le malattie degli occhi, ma anche le malattie generali in tempo utile.

Quando si dovrebbe iniziare con gli esami oculistici?

Il primo esame oculistico dovrebbe essere fatto fin dal sesto mese della vita del bambino, se c'è una predisposizione genetica da parte dei genitori - errori diottrici, miopia o strabismo.

Il secondo esame oculistico dovrebbe essere fatto dal pediatra nel terzo anno di età del bambino. È anche importante fare un esame oculistico prima di frequentare la scuola, ad esempio nel 6 ° -7 ° anno del bambino.

Dovreste consultare un oftalmologo con vostro figlio anche se i suoi voti peggiorano. Ciò può anche significare che non vede bene la lavagna.

In seguito a ciò, gli oftalmologi raccomandano di effettuare esami oculistici ogni due anni. Se notate problemi alla vista in età adulta, non aspettatevi miglioramenti. Fra i sintomi per cui è necessario prendere il prima possibile un appuntamento con un oculista, sono: mal di testa, riduzione dell'acuità visiva in prossimità o a distanza, visione offuscata o diplopia, sensazione di pressione, occhio che brucia, vasi degli occhi dilatati, o se si verifica secchezza negli occhi.

Invecchiando, soprattutto dopo i 45 anni, si consiglia di sottoporsi a regolari esami della vista, che dovrebbero includere le misurazioni della pressione intraoculare. Se in famiglia si ha una malattia degli occhi più grave, dovreste farvi visitare regolarmente dall'oculista a partire dai 20 anni.

Un oftalmologo può rilevare i problemi di vista in tempo utile, come la stella grigia o verde, la degenerazione maculare, così come altre condizioni più gravi come l'ipertensione, il diabete esordiente o altri disturbi metabolici, ma può anche rilevare tumori.

A quali esami ci si sottopone durante un controllo oculistico?

In caso di screening per gli occhi, è necessario sottoporsi a esami con diversi dispositivi diagnostici che forniranno all'oculista informazioni sufficienti sulla salute generale degli occhi.

Quanto spesso sono consigliati da medici specialisti gli esami oculistici?

Uno screening per gli occhi dovrebbe includere i seguenti esami:

  • Visus - riguarda l'esame dell'acuità visiva. Ciò avviene mediante ottotipi in lontananza (da una distanza di 5 - 6 metri) o nelle vicinanze (da una distanza di 40 cm), nella cosiddetta distanza di lettura.
  • misurazione della pressione intraoculare - misurata con un tonometro e utilizzata per diagnosticare o prevenire malattie agli occhi come la stella verde.  
  • Esame microscopico del segmento anteriore dell'occhio - congiuntiva, cornea, iride e lente dell'occhio.
  • Esame del fondo oculare - utilizzando un oftalmoscopio che rileva i cambiamenti nel fondo oculare.
Nella nostra clinica avete l'opportunità di sottoporvi a esami particolari:
  • pachimetria: misurazione dello spessore corneale.
  • Topografia corneale - un esame che misura la curvatura, lo spessore e la forma della cornea, e grazie a ciò, l'oftalmologo può rilevare malattie agli occhi come il cheratocono (in questa condizione la cornea diventa conica e più sottile).
  • OOCT della retina – tomografia a coerenza ottica - la scansione OCT è principalmente utilizzata per malattie retiniche (malattie della macula, cambiamenti diabetici, condizioni post-traumatiche), o malattie del nervo ottico (stella verde, malattie neurologiche come la sclerosi multipla o il morbo di Alzheimer).
  • Esame con un microscopio endoteliale - col quale si esamina lo strato interno della cornea.

  • Per mantenere la salute degli occhi, non sono solo regolari esami oculistici che sono importanti, soprattutto dopo i 40 anni, ma anche uno stile di vita sano. Prestare inoltre attenzione a condizioni di lavoro adeguate, come un'adeguata illuminazione, pause regolari quando si lavora con il computer o un'umidità adeguata. 
 
Torna all'inizio
scrivici