NS. CLINCIA E ANCORA APERTA, possiamo lavorare normalmente e senza restrizioni. Piu informazioni qui

loading image
iClinic clinica oculistica CERTIFICATO TÜV Menu  
News

Novita' clinica oculistica iClinic

Tempo di guarigione dopo l'intervento laser

Tempo di guarigione dopo l'intervento laser

Un trattamento laser per gli occhi promette molto, vale a dire una vita senza occhiali o lenti a contatto. Eppure molti sembrano scoraggiati da un periodo di guarigione apparentemente lungo o dalla paura che possa verificarsi il caso peggiore possibile. Questa informazione per il tempo dopo l'intervento chiarisce i tempi effettivi di guarigione dopo il laser.

L'intervento in sé: ecco come funziona la chirurgia laser oculare

Il tempo di convalescenza dipende in larga misura dal metodo utilizzato. In genere viene fatta una distinzione tra trattamenti superficiali e profondi. PRK e LASEK, i più antichi metodi chirurgici, hanno tempi di guarigione molto più lunghi rispetto alle procedure moderne che non danneggiano la superficie della cornea.
 
Inoltre, un'altra differenza tra chirurgia laser oculare che prevede una correzione attraverso un lembo (flap, una lamella nella cornea) e metodi come ReLEx® SMILE, che utilizza un laser a femtosecondi (Z-LASIK) e crea un lenticolo all'interno della cornea, senza che ciò richieda un'incisione della cornea stessa.
 
I metodi più moderni sono eseguiti in anestesia locale mediante l'uso di colliri anestetici e in regime ambulatoriale. È un intervento delicato con alte probabilità di successo e basso rischio.
 

Subito dopo l'operazione: si prova dolore?

Durante l'intervento, lo scenario peggiore è una spiacevole pressione sugli occhi. A causa dell'anestesia locale, il dolore di solito non si verifica in qualsiasi momento durante l'operazione.
 
Anche dopo l'intervento, il dolore improvviso grave non è normale, così come l'improvviso deterioramento della vista. In questo caso, è decisamente consigliabile consultare un oculista. Tuttavia, come già spiegato, il rischio è estremamente basso.
 
Spesso, tuttavia, gli occhi possono lacrimare per breve tempo dopo il trattamento con il laser. Anche la visione offuscata non è preoccupante, purché entro pochi giorni i pazienti possano vedere di nuovo chiaramente. Inoltre, gli occhi sono spesso secchi e irritati. Una sensazione di corpo estraneo - paragonabile a un granello di polvere negli occhi - è un effetto collaterale comune.  
 
Soprattutto nelle prime ore dopo aver corretto l'errore di rifrazione, è consigliabile tenere gli occhi chiusi il più possibile. Così si rigenerano rapidamente senza essere esposti a luce o sporco.
 

Cosa non dovreste fare: comportamento dopo il laser agli occhi

Una piccola osservazione in anticipo: il tempo di guarigione varia da persona a persona e anche il processo di guarigione è individuale e dipende da vari fattori. Ciononostante, tutti possono e dovrebbero contribuire alla riuscita del trattamento dopo la correzione degli occhi.
Questo inizia subito dopo l'operazione ed è importante fino al completamento ufficiale del trattamento. Spesso include piccoli gesti che spesso non raggiungono nemmeno la nostra coscienza. Ad esempio, non dovreste strofinare gli occhi nei giorni successivi all’intervento.
 

Post-terapia

Quasi immediatamente dopo l’intervento, i principali miglioramenti sono già visibili. A causa dell’intervento minimamente invasiva, non è necessaria alcuna medicazione degli occhi. Gli occhiali da sole offrono una protezione sufficiente contro i raggi del sole, che possono irritare gli occhi soprattutto all'inizio.
 
Nei giorni successivi all'intervento vengono prescritti colliri antibiotici per prevenire infezioni e infiammazioni. Queste sono gocce da somministrarsi per un massimo di sei giorni e servono come profilassi per un effetto collaterale raro.
Come già spiegato, gli occhi asciutti sono probabilmente la conseguenza più comune del trattamento laser dell'occhio. Per questo motivo, nel corso del post-trattamento vengono utilizzate le cosiddette lacrime artificiali. Vengono usate regolarmente all'inizio, solo al bisogno. Per quanto tempo e in quale dosaggio vengono usate le gocce, lo spieghiamo nel dettaglio nel follow-up. 
 

Sport dopo il laser degli occhi

Quando, dopo l'operazione, l'esercizio può essere ripreso, è altamente dipendente dalla scelta del metodo chirurgico e dalla situazione dopo l'intervento. Dopo l'intervento laser con il metodo ReLex® Smile, evitare le attività sportive per 7 giorni prima di riprendere un programma sportivo leggero.
 
Dopo due settimane, anche un programma di allenamento intensivo di solito non è un problema. Grazie al metodo della cornea, anche gli sport estremi come le immersioni o gli sport di contatto come il pugilato sono assolutamente innocui. Uno dei motivi per cui questo metodo è particolarmente adatto per gli atleti professionisti.
 
Dopo una procedura Z-Lasik, si raccomanda di astenersi dalle attività sportive per un periodo di 10 giorni in modo da non compromettere il processo di guarigione. Dopo quattordici giorni, attività fisiche più leggere come il jogging leggero o il ciclismo possono essere gradualmente aumentate di intensità. Dopo tre settimane, tutti gli sport, che erano anche prima dell'intervento attività quotidiane possono essere praticati.
 
Se piace andare a nuotare o per chi va in sauna settimanalmente, se ne dovrebbe fare a meno per due settimane e assicurarsi di nuotare con gli occhialini da nuoto ben aderente affinché il cloro non irriti l'occhio.
 

Igiene personale e trucco dopo il trattamento agli occhi

Non solo prima di un intervento chirurgico, è importante struccare accuratamente gli occhi. Anche fino a due settimane dopo l’intervento sarebbe meglio evitare il mascara. Il problema qui non è tanto correlato agli eccipienti del trucco quanto alla pressione che viene esercitata sull'occhio quando viene rimosso.
 
Tutte le altre aree facciali non sono interessate. Applicare il trucco è innocuo dopo solo un giorno dall'intervento chirurgico. Tuttavia, il contatto diretto con l'occhio dovrebbe essere evitato il più possibile.
 
La doccia e il bagno sono già consentiti subito dopo l'intervento, senza influire sul processo di guarigione. Tuttavia, lo shampoo dovrebbe essere usato che non bruci occhi per prevenire il rischio di sfregamento accidentale. Sciampi delicati, adatti anche ai bambini, vanno bene.
 

Guidare dopo il laser agli occhi

La partecipazione attiva al traffico è possibile quando l'acuità visiva è già il più chiara possibile e non si verificano effetti collaterali come la visione doppia o vertigini. Una possibile conseguenza del trattamento laser è l'aumento della sensibilità all'abbagliamento. Soprattutto di notte, questo può portare a problemi nel traffico. Pertanto, solo chi si sente veramente sicuro dovrebbe sedersi al volante.
 

Recuperare la vista: quando si ottiene la piena visione?

La domanda più importante riguardante la durata della guarigione è probabilmente la questione di quando un paziente può finalmente vedere chiaramente, senza occhiali o lenti a contatto. Sfortunatamente, questa domanda non può essere risolta in un'unica soluzione.
 
Quasi immediatamente, questa è una risposta vaga, ma dà coraggio. Molti riferiscono di percepire il mondo in una nuova nitidezza poco dopo l'intervento laser, anche se, a causa del collirio, la visione postoperatoria è spesso sfocata per alcune ore.
 
Nel giro di pochi giorni, l'acuità visiva migliora sempre di più. Dopo solo uno o due giorni, forme e colori diventano sempre più evidenti e ci si abitua alla vita senza ausili visivi. Tuttavia, la vista si stabilizza definitivamente nel tempo. 2-3 mesi non sono insoliti, in determinate circostanze, il risultato finale si fa attendere ancora più a lungo.
 

Informazioni sui possibili effetti collaterali: pericoli della chirurgia laser dell'occhio

Con i metodi e le procedure odierne, i rischi del trattamento laser sono estremamente bassi e il periodo di convalescenza è quasi completo entro poche settimane. Forniamo informazioni su quali rischi di salute a breve termine sono da aspettarsi.
 
Forti dolori pulsanti o improvvisi e drastici cambiamenti nella vista sono segni di una complicanza più grave. In caso di tali sintomi, è altamente consigliabile consultare un oftalmologo. Come ogni intervento chirurgico, il trattamento laser dell'occhio comporta alcuni rischi. Tuttavia, si verificano raramente.
 
Una visione offuscata nei giorni successivi all‘intervento è considerata normale, non da ultimo a causa del collirio anestetico. Gli occhi sono spesso irritati e si sentono come se fosse presente un corpo estraneo. Poiché i nervi sono irritati a causa del trattamento laser, viene prodotto spesso troppo o troppo poco liquido lacrimale. Occhi che lacrimano o occhi troppo asciutti sono la conseguenza.
 
Nel processo di guarigione della ferita dopo il metodo Z-LASIK, a volte la cicatrizzazione di colore bianco-latteo del tessuto corneale. Tuttavia, questa cosiddetta foschia di solito si ritira nel corso del tempo, così che dopo un trattamento laser agli occhi, non c'è motivo di preoccuparsi.
 
Anche un aumento momentaneo della pressione intraoculare non è preoccupante, ma dovrebbe comunque essere chiarito da un medico. In rari casi eccezionali, la cornea si infiamma dopo un trattamento laser. Questo è il motivo per cui vengono somministrate gocce profilattiche antibatteriche e antibiotiche.
 
Tra gli effetti collaterali più comuni che possono persistere oltre il periodo effettivo di convalescenza c'è una maggiore sensibilità all'abbagliamento. È consigliabile avere gli occhiali da sole sempre a portata di mano nei primi mesi dopo l'intervento, non appena si esce di casa.
 
Compromissione permanente può anche includere la perdita di contrasto. Ciò non significa che non si percepisca affatto l'accentuazione del contrasto, l'adattamento viene ritardato. Anche gli occhi secchi persistenti possono essere conseguenza del trattamento, ma possono essere compensati da efficaci colliri.
 
Se si è verificata una sovra o sotto-correzione della visione, è necessario un altro intervento per la regolazione. Tuttavia, tutti gli episodi si verificano solo in casi eccezionali e possono essere facilmente gestiti con l'aiuto di specialisti oftalmici.
 

Effetti tardivi nei trattamenti con laser agli occhi

La chirurgia laser LASIK è stata eseguita in tutto il mondo sin dagli anni '90 con risultati eccezionali. Uno studio americano mostra che oltre il 90% dei pazienti è soddisfatto dei risultati del loro intervento chirurgico. Sebbene le conseguenze a lungo termine di un intervento medico non possano mai essere completamente escluse, non sono ancora emerse.
 
Il metodo ReLex® Smile è un processo relativamente innovativo che è stato utilizzato per la prima volta nel 2008/2009. Invece di un lembo, viene eseguita solo un'incisione minima mediante la quale viene eseguita una correzione al di sotto della cornea. I lunghi studi iniziali indicano che si tratta di un intervento sicuro con risultati duraturi.  
 

Conclusione: Laser dell'occhio - Quanto dura la guarigione?

Una dichiarazione generale su quando si completi la guarigione e il risultato sia stabile è difficile da fare. Il fatto è che i primi risultati sono visibili in un tempo molto breve, sia usando la classica procedura LASIK che il metodo ReLex® Smile. I pazienti vedono presto come quando utilizzavano gli ausili visivi.
 
Dopo l'intervento, ci sono solo alcune restrizioni sulla vita di tutti i giorni. Tuttavia, nei giorni e nelle settimane successivi all'intervento è necessario prestare attenzione a non sporcare gli con sostanze che li irritano. Anche sport o forti cambiamenti climatici (altezza estrema, stanze con aria condizionata, sauna) dovrebbero essere evitati il più possibile.
 
Dopo due o tre mesi viene raggiunta la visione ottimale. Il processo fino a questo momento è accompagnato dagli oftalmologi negli esami di follow-up. A lungo termine, i risultati sono estremamente stabili e associati a pochi rischi a lungo termine, come il rischio di secchezza oculare.

 
Torna all'inizio
scrivici