NS. CLINCIA E ANCORA APERTA, possiamo lavorare normalmente e senza restrizioni. Piu informazioni qui

loading image
iClinic clinica oculistica CERTIFICATO TÜV Menu  
News

Novita' clinica oculistica iClinic

Come (in modo permanente) liberarsi dagli occhiali da lettura

Come (in modo permanente) liberarsi dagli occhiali da lettura

Dall'età di 40 anni, ad esempio, alcune persone sono sconvolte nel constatare che il loro braccio è semplicemente troppo corto per la piacevole lettura del giornale al tavolo della colazione. Di base è l'inizio della presbiopia, in cui la lente dell'occhio, paragonabile a uno zoom ottico della fotocamera, non può più mettere a fuoco. Chiunque non voglia indossare occhiali è comunque un candidato idoneo per il metodo operativo FemtoPrelex. 
 

Occhiali o lenti a contatto

Le possibilità più conosciute per una vita senza occhiali sono probabilmente le lenti a contatto. Le lenti rigide o morbide sono un'ottima alternativa per coloro che non vogliono bilanciare la montatura sul naso, ma non vogliono un intervento chirurgico.
 
Tuttavia, sono adatti solo per trattamento monovisione, che è fuori questione per le persone che sono state fino ad ora senza occhiali. I portatori di occhiali possono contare su lenti a contatto multifocali invece di occhiali con lenti multifocali.
 
Tuttavia, poiché la fase di assuefazione per le lenti a contatto è relativamente lunga e il comfort è spesso compromesso da secchezza oculare, solo pochi che soffrono di presbiopia ricorrono a questa opzione.  
 
Anche coloro che optano per un paio di occhiali per compensare una bassa sfocatura visiva, non dovrebbero ricorrere al modello economico del supermercato. In particolare, se c'è bisogno di lenti bifocali (lenti progressive), dovreste consultare un ottico o un oculista professionista.
 
Se né gli occhiali né le lenti a contatto sono adatti, la vista può essere completamente ripristinata grazie a una breve procedura chirurgica. 

Cos’è il metodo Prelex?

Il metodo Prelex (Presbyopic Lens Exchange) interviene dove l'occhio non può più agire, vale a dire con la perdita del potere refrattivo della lente. Più invecchiamo, maggiore è il rischio che il nostro occhio non possa più "mettere a fuoco correttamente" (perdita di capacità di accomodazione).
 
Il colpevole è la lente naturale dell'occhio. Questa viene rimossa nel metodo FemtoPrelex e sostituita da una lente artificiale multifocale. L'intervento è delicato e minimamente invasivo. Alla fine non rimane altro che una vista ottimale.
 
Ciò che era impensabile, è oggi per molti realtà: la perdita dell'acuità visiva non solo può essere equilibrata, ma anche corretta in modo che gli occhiali, senza coscienza sporca (e occhi strizzati), possono scomparire nel loro astuccio.
 

Tipi di lenti intraoculari

In pochi passaggi, la lente dell'occhio naturale viene sostituita da una lente intraoculare artificiale. Le lenti utilizzate si adattano alle condizioni naturali dell'occhio.
 
Se si desidera vedere tutto nitido dopo l'operazione durante la guida e la lettura, ad esempio in lontananza e da vicino, si consiglia una lente bifocale. Compensa gli errori di rifrazione. La differenziazione e la sistemazione ancora migliori sono fornite da una lente trifocale, che calcola ulteriormente la distanza di lavoro.
 
Anche con l'astigmatismo o con un elevato numero di diottrie è possibile l'impianto. Speciali lenti toriche correggono l'astigmatismo superiore. 

Il laser usato è il FemtoPrelex

Nell'operazione FemtoPrelex, viene utilizzato il laser a femtosecondi di Ziemer. Il laser emette impulsi luminosi alla velocità della luce, garantendo tagli rapidi, delicati e altamente precisi. È anche sicuro nell'applicazione ed estremamente delicato sull'occhio.
 
Una scansione 3D rappresenta la struttura dell'occhio in una perfetta riproduzione dell'immagine prima, durante e dopo l'operazione, in modo che il chirurgo possa riconoscere ogni piccolo dettaglio.

Quali sono i vantaggi di questo metodo?

Il fatto è che il metodo FemtoPrelex è un intervento che deve essere ben ponderato. Prendetevi del tempo per una consulenza dettagliata con il medico curante per sapere tutto sui rischi e le opportunità di un'operazione e prendere una buona decisione.
 
Per il metodo FemtoPrelex, tuttavia, vi sono alcuni aspetti abbastanza forti. La correzione permanente è probabilmente la più convincente. Se non si vuole più dipendere dagli occhiali, si può fare a meno degli occhiali da lettura dopo l'operazione.
 
Inoltre, è una procedura molto delicata, veloce e non complicata. È tutto finito in venti minuti, anche il tempo di recupero dopo l'intervento chirurgico non è molto più lungo. Solo pochi giorni dopo, si può riprendere la propria routine quotidiana e le attività abituali.
 
E in questo modo si contrasta anche l'insorgere di ulteriori malattie degli occhi: a differenza della lente dell'occhio naturale, la lente artificiale non può offuscarsi. La cataratta non può insorgere in questo modo. Buone notizie per tutti coloro che appartengono al gruppo a rischio. 

Chi può sottoporsi a questo metodo?

FemtoPrelex è solo uno dei vari metodi per correggere gli errori di rifrazione. Se non siete candidati idonei per il metodo FemtoPrelex, consigliamo di parlare con il proprio oftalmologo per qualsiasi altro metodo.
 
I pazienti di età superiore ai 45 anni con presbiopia e ipermetropia sono nella posizione migliore per sottoporsi a sostituzione della lente con il metodo FemtoPrelex. Anche coloro che soffrono di miopia sono candidati adatti per l'operazione. Se entrambi gli occhi sono interessati, saranno operati entro una settimana l'uno dall'altro.
 
Cambiare la lente non è un'opzione se si lavora molto al buio o alla luce fievole o se molto attivi perché la lente artificiale ha una visione peggiore in queste condizioni. 

Con FemtoPrelex verso una nuova acuità visiva

Il pensiero di un'operazione nell'occhio porta ad una sensazione di nausea nell'area dello stomaco? Non preoccupatevi: con il metodo FemtoPrelex, si può optare per una procedura delicata di soli venti minuti in anestesia locale con collirio.
 
Dopo lo scambio di lenti non è prevista una degenza ospedaliera di diversi giorni, bensì l'operazione è ambulatoriale. Dopo l'intervento riuscito, recupererete rapidamente. Già dal terzo giorno, si può tornare alla normalità, un po' per volta. Tuttavia, possono essere necessari fino a tre mesi per adattarsi completamente.
 
In sintesi, si può dire che il metodo FemtoPrelex aiuta tutti a raggiungere una nuova qualità della vita a chi vorrebbe vivere senza occhiali anche in età avanzata, e che nel vero senso della parola è breve e indolore.

 
Torna all'inizio
scrivici