NS. CLINCIA E ANCORA APERTA, possiamo lavorare normalmente e senza restrizioni. Piu informazioni qui

loading image
iClinic clinica oculistica CERTIFICATO TÜV Menu  
News

Novita' clinica oculistica iClinic

Reazioni allergiche agli occhi: allergie oculari e loro effetti

Il corpo umano è fatto in modo impressionante per tenere lontani i corpi estranei dannosi. Se c'è un contatto con uno di questi, il corpo reagisce con il rilascio di anticorpi. Fin qui tutto bene. Ora capita, tuttavia, che le cellule responsabili degli anticorpi (i cosiddetti mastociti) reagiscano in modo eccessivo e rilascino persino istamina al messaggero, anche se non è affatto un corpo estraneo dannoso. Questo errore è chiamato allergia.

Ora, si potrebbe dire che i mastociti la giocano sicura, per così dire, e non ci sarebbero obiezioni, se le reazioni di difesa non causassero danni significativi e talvolta dolore. Non per niente le reazioni allergiche sono conosciute come qualcosa di molto fastidioso. Questa è una ragione sufficiente per prestare maggiore attenzione al tema dell'allergia - nel nostro caso per quanto riguarda gli occhi.


Possibili cause di reazione allergica degli occhi


In linea di principio, non è ancora possibile dire esattamente ciò che è fondamentalmente responsabile delle allergie. Si ritiene che i fattori ambientali - come l'inquinamento atmosferico e l'inquinamento dell'aria interna alle abitazioni -, la dieta o l'ereditarietà in combinazione con fattori ambientali e un sistema immunitario generalmente indebolito possano essere causa di allergie.

Ogni volta che l'intolleranza a diverse sostanze ha la sua origine, la reazione allergica degli occhi viene attivata dal contatto diretto con l'allergene. Per quanto riguarda gli occhi, è spesso il contatto con pollini di varie piante, escrementi di acari della polvere domestica, spore di muffe o peli di animali, che causano il solito disagio. In linea di principio, ogni sostanza è in grado di causare una reazione eccessiva dei mastociti.


Sintomi di reazione allergica agli occhi


Principalmente inizia con una forte sensazione pungente e bruciore nella zona degli occhi. Gli occhi non diventano certo rossi da soli. Ciò è dovuto a volte dallo strofinamento degli occhi per fermare il bruciore, causando la pelle arrossata intorno agli occhi. Di conseguenza, tuttavia, l'allergene viene ulteriormente distribuito negli occhi e la reazione diventa più forte.

A ciò si aggiunge la generale dilatazione dei vasi sanguigni, che negli occhi provoca il tipico arrossamento. In connessione con la sensazione di avere un oggetto estraneo negli occhi, con prurito, lacrime, bruciore e gonfiore congiuntivale, si parla di una congiuntivite allergica (in termini medici: cheratocongiuntivite vernal).

Gli occhi gonfi, quindi il gonfiore delle palpebre, sono sì un sintomo di un'allergia da contatto con peli di animale, ma sono anche compatibili con un'allergia da pollini e acari della polvere domestica. Il gonfiore delle palpebre è anche un sintomo comune di allergie a certe sostanze sintetiche (come il metilisotiazolinone) che si trovano nei cosmetici, nelle pitture, nelle vernici e negli adesivi. Dopotutto, l'allergene riguarda i cosmetici applicati direttamente all'area interessata.


Che cosa aiuta contro il prurito degli occhi ecc.: il trattamento delle allergie


Nel trattamento delle allergie, sfortunatamente, si è piuttosto limitati. Ci sono diversi modi per combattere i sintomi, ma solo una singola terapia causale, quindi una terapia che si concentra sul nucleo dell'allergia.

Il rimedio più semplice è determinato prima di tutto dall'evitare gli allergeni. Ciò significa che gli allergeni che attivano la reazione sono evitati. Questo è particolarmente facile con le intolleranze alimentari, ma anche possibile con altre allergie.


Istaminici contro gli occhi che lacrimano ecc.


Se evitare gli allergeni non è così facile, si possono usare farmaci che bloccano l'istamina del messaggero. Questi sono principalmente da prendere preventivamente, quindi in allergia ai pollini per l'occhio prima della nota fase di polline. Altri farmaci (chiamati bloccanti H1 altamente selettivi) bloccano i recettori dell'istamina e sono anche efficaci contro le reazioni allergiche acute.


Iposensibilizzazione o immunoterapia specifica


Per poter combattere l'allergia e tutto ciò che la accompagna a lungo termine, il problema deve essere affrontato alla radice. Questo è il caso dell'iposensibilizzazione, l'unica terapia causale per le allergie. In precedenza chiamato erroneamente desensibilizzazione, questo trattamento tenta di abituare il corpo all'allergene. A questo scopo, al corpo vengono somministrate dosi crescenti della sostanza scatenante al fine di prevenire la reazione eccessiva del sistema immunitario a lungo termine.


Suggerimenti per la prevenzione e l'attenuazione delle reazioni allergiche negli occhi


Da un lato, i nostri suggerimenti hanno lo scopo di prevenire i rischi allergici e, dall'altro, di contribuire ad alleviare l'allergia che è già scoppiata. Per semplicità li riassumiamo in due elenchi chiari. (Gli elenchi non sono esaustivi).

 

Evitare allergeni: carenza di allergeni


  • Soprattutto per chi soffre di allergie ai pollini: areare in modo intelligente! Nel tuo ambiente ci sono momenti del giorno in cui il numero di pollini è più alto e talvolta più basso. Limita le areazioni quando il numero di pollini è più basso. Per l'allergia agli acari della polvere domestica si deve fare attenzione, specialmente in camera da letto, ad avere aria pulita.
  • Eliminate gli allergeni dal tuo ambiente! In altre parole, prestare attenzione ad un'igiene rigorosa e pulire accuratamente. Gli allergeni si depositano su tutte le superfici possibili, ad esempio sugli occhiali, che è naturalmente molto svantaggioso per gli occhi a causa della loro vicinanza spaziale. I peli di animali e il polline trovano rapidamente la loro strada nel soggiorno e gli occhi rossi, ecc., non sono poi così lontani.
  • Soprattutto per chi soffre di allergie ai pollini: non appendere il bucato ad asciugare all'aperto. Se gli allergeni rimangono bloccati sui vestiti o sul letto, si è costantemente in contatto e costantemente irritati.
  • Soprattutto per gli occhi: i portatori di lenti a contatto dovrebbero passare almeno a lenti monouso o, se possibile, ancora meglio a lenti dure. Nel caso delle lenti a contatto, gli allergeni o le proteine che si accumulano favoriscono la reazione allergica agli occhi. Questo è meno il caso delle lenti rigide (perché la loro superficie ha meno pori e area di conservazione per gli allergeni) e le lenti giornaliere vengono sostituite almeno giornalmente, in modo che gli allergeni del giorno precedente non raggiungano gli occhi.

Sollievo dal disagio agli occhi

  • Applicare impacchi freddi da diversi tipi di tè agli occhi (eufrasia, ortica, camomilla).
  • Sciacquare il polline dagli occhi. Meglio di nuovo con tè freddo alla camomilla o all'eufrasia.
  • Inalare tè all'ortica. L'ortica è un antistaminico naturale che non tratta solo la reazione allergica degli occhi.
  • Non strofinare l'allergene negli occhi.
 
Torna all'inizio
scrivici