NS. CLINCIA E ANCORA APERTA, possiamo lavorare normalmente e senza restrizioni. Piu informazioni qui

loading image
iClinic clinica oculistica CERTIFICATO TÜV Menu  
News

Novita' clinica oculistica iClinic

Cosa dovreste sapere prima della chirurgia laser dell'occhio?

Se portare occhiali o lenti a contatto vi ha infastidito per un lungo periodo, la chirurgia oculare laser è la soluzione migliore per sbarazzarsi di questi dispositivi di visione e migliorare la qualità della vita. Ma come ogni intervento chirurgico, comporta anche dei rischi.
 
Ovviamente dovreste saperlo, ma non c'è motivo di rifiutare l'intervento laser. I nostri esperti fanno di tutto per evitare complicazioni. La sicurezza e la soddisfazione dei nostri pazienti sono la cosa più importante per noi.
 

Quali rischi potete subire?

Una delle condizioni postoperatorie comuni è la sindrome dell'occhio secco. È considerato da alcuni oftalmologi una parte normale del processo postoperatorio. Ma si può gestire facilmente usando le lacrime artificiali.
 
In alcuni pazienti, il processo di guarigione dell'occhio può comportare un cambiamento nella vista - visione doppia. Poiché in ogni intervento laser vengono regolati lo spessore e la curvatura corneale, attraverso i quali l'immagine è trasmessa al centro visivo nel cervello, sia la cornea che il cervello necessitano di un po' di tempo dopo l'intervento per adattarsi al nuovo ambiente.
 
Proprio come le reazioni di ciascuno di noi differiscono in diverse situazioni, gli occhi di ogni paziente rispondono in modo diverso dopo l'intervento chirurgico agli occhi. Alcuni pazienti sperimentano acutezza visiva fluttuante dopo l’intervento, così come ridotta acuità visiva di notte o al buio. Fondamentalmente, tuttavia, l'acuità visiva migliora di giorno in giorno. La variabilità dell'acuità visiva è abbastanza normale nei primi giorni dopo l'intervento. La vista si stabilizzerà nel giro di poche settimane. Non c'è niente da temere, è solo questione di tempo.
 
Anche la sotto correzione o l'ipercorrezione vengono contate tra i rari effetti dopo la correzione visiva. Una ragione di ciò è la diversa reazione degli occhi di ciascun paziente ai raggi laser. Tali deviazioni possono essere eliminate entro un mese dall’intervento laser.
 

Minimizzazione del rischio  

Per ogni clinica, la sicurezza del paziente e la qualità della cura dell'occhio dovrebbero essere di primaria importanza. Aderendo ai più elevati standard di igiene, attraverso l'ambiente sterile in sala operatoria, i più recenti metodi chirurgici, grazie all'uso della tecnologia più avanzata e all'esperienza pluriennale degli oftalmologi nella iClinic, l'emergenza delle complicanze postoperatorie è praticamente eliminata.
 

Come dovrebbe essere la sala operatoria?

In primo luogo, dovrebbe essere garantita la sicurezza del paziente. Prima di entrare in sala operatoria ogni paziente deve indossare indumenti monouso (cappuccio, indumenti per il paziente e soprascarpe) in materiale antibatterico resistente adatto a pazienti allergici.
 
Una sala operatoria sicura deve essere sterile per prevenire lo sviluppo di complicanze postoperatorie. Questo è particolarmente vero per gli strumenti chirurgici e gli accessori.
 
Ultimo ma non da meno, il sistema di ventilazione in sala operatoria è importante. Nel caso ideale, nella sala operatoria è presente uno speciale sistema di ventilazione medica, che è soggetto a severi requisiti igienici. Questa tecnologia ad aria assicura il cosiddetto flusso d'aria laminare. Ciò significa che, sebbene l'aria venga cambiata, la velocità dello scambio d'aria è minima.
 

Come dovrebbe essere la sala operatoria?
 

Esami oculari complessi sono fondamentali

I primi passi di ogni paziente prima della chirurgia laser dell'occhio sono esami oculistici precisi su più macchinari diagnostici. Si raccomanda di dedicare abbastanza tempo a questo perché gli esami possono richiedere fino a tre ore. Nelle migliori cliniche, tuttavia, si ha l'opportunità di completare gli esami preoperatori e la chirurgia laser stessa entro un giorno.

Gli esami forniscono all'oculista informazioni sufficienti sulla salute dei vostri occhi.
Allo stesso tempo, raccomanderà il metodo di operazione più adatto per eliminare il vostro errore diottrico. In generale, più moderno è il metodo di intervento laser, minore è il rischio di incontrare difficoltà postoperatorie.
 
Esami oculari complessi sono fondamentali
 

Chirurgia laser dell'occhio rivoluzionaria  

Più di venti anni sono passati dalle operazion1 laser di prima generazione. Nel frattempo, i metodi laser hanno ottenuto un cambiamento importante. Alcuni pazienti soffrivano di dolore postoperatorio per diversi giorni ed erano sensibili alla luce. Oggi, avete la possibilità di ottenere una visione nitida senza dolore, senza laser ad eccimeri e senza ferire la superficie corneale, grazie al più moderno metodo chirurgico del presente, Relex Smile 3D. Allo stesso tempo si tratta del metodo di funzionamento più delicato, che raggiunge i risultati più stabili di tutti. L'eliminazione di un errore diottrico viene eseguita direttamente all'interno della cornea per mezzo di un preciso laser a femtosecondi. Inoltre, non c'è da preoccuparti del dolore dopo l'intervento. Un rischio di sintomo dell'occhio secco o ridotta acuità visiva si manifestano solo in casi eccezionali. Entro poche ore dall'intervento si vede già nitidamente. Un vantaggio di questo metodo è la breve convalescenza: il secondo giorno si può tornare al lavoro e solo una settimana dopo l'operazione, alle attività sportive.
 
Chirurgia laser dell'occhio rivoluzionaria
 

Cosa dovreste considerare nella scelta di una clinica?

Siate esigenti. Quando si sceglie la clinica giusta, non solo si dovrebbe prestare attenzione ai tipi di metodi chirurgici offerti dalla clinica, ma anche concentrarsi sul team di oftalmologi. Vi consigliamo di controllare anche l'equipaggiamento tecnologico e anche se la clinica ha certificati di qualità. È anche utile conoscere amici, conoscenti o familiari che sono già stati in clinica.
 
 
Torna all'inizio
scrivici